About Andrea Ferroni

Andrea Ferroni, nato a Torino nel 1977. Impegnato in ambito associazionistico dal 2002. Svolge per l’associazione “Arti e Tradizioni” attività organizzative e di direzione artistica e promuove numerose attività legate alla musica e arte in generale attraverso ogni mezzo ritenuto adeguato, auto-produzione, ecologia e stili di vita che promuovano la crescita personale, comunicazione verbale e non verbale con lo scopo di migliorare la relazione interpersonale. www.andreaferroni.it

Ritiro di Didgeridoo 14° edizione

Date: 23, 24, 25 July 2021
.
CONCERTs and OPENSTAGE
Friday and Saturday at 9:30pm
.
Risultati immagini per ritiro didgeridoo
This edition will have three consecutive days lesson, it will introduce you to a teacher per day: Jacopo Mattii, already a student of this workshop first and teacher for three times for the same event, Andrea Ferroni, organizer of the event, returns as a teacher proposing some of his typical topics already held in foreign festivals, and Ansgar Stein, from Germany, one of the most appreciated teachers of this event, absolutely well know all around the globe.
The event is reserved for the associated “Arti e Tradizioni”.
INFO and BOOKINGS: andrea@artietradizioni.it
or WhatsApp via the site pop up or 3385812914

 Andrea Ferroni

Andrea Ferroni, Turin – 1977. Enchanted by the didgeridoo, he began his studies as a self-taught musician in 2002, then follows courses and workshops held by world-renowned artists. In less than three years, he participates in the most prestigious European festivals in France, Switzerland, Germany, Portugal, and Great Britain, obtaining excellent feedback from critics and reviews in specialized magazines. He founded the “Didgeridoo School”, where he started teaching in 2003. He first founded the “Yidaki” cultural association and then “Arts and Traditions”, to promote and organize didgeridoo events.
Publish a book entitled: “The Didgeridoo Discovery” and seven CDs entitled: “Windproject” (2003), “Noises & Voices” (2004), “Tribal Revolution” (2005) and “Breaking Through” (2006), “Windproject 2008 “(2008), Ritratto (2008), Testimonianze (2011) and two compilations as an association project. He personally builds his instruments, which are highly appreciated in Italy and by many artists who play them live.
Anyway, Andrea is a very eclectic person. So he’s not just a didgeridoo player. He works as the CAE analyst to evaluate the effect of frequencies, resonances, noise and noise quality on complex systems, evaluating the effects on human perception on the basis of psychoacoustics. He is a producer of beer and cheeses (only for friends), he is also interested in the arts in general, interpersonal communication, and relationships.
Further information: http://www.andreaferroni.it/
Y
outube channel: https://www.youtube.com/channel/UCrf-SvOmBS6i2wUVpP9aLpA

ANDREA’s WORKSHOP TOPICS, see the video below:

Ansgar Stein

Ansgar, a trained interior decorator and graphic designer, picked up on the didgeridoo in 1993 after visiting a concert of the iconic Aboriginal rock band YOTHU YINDI. Drawing from inspirations of traditional and modern didgeridoo playing alike, Ansgar was not satisfied with being confined to the prevalent esoteric frame-set, so he took his love for science, his nerdy science-fiction obsession, his mechanical skills, his graphic eye, and his joy of painting and costume, his admiration of language, his fascination for movementdance and musical expression, and used all these factors to feed his new-born love for the allegedly simple and yet complex didgeridoo.
Thus he developed an approach unseen before in the scene.
Apart from the musical approach, Ansgar also publishes in the field, is a founding member of and contributor to the German Online Didgeridoo Encyclopedia, and always has an eye on some of the German Wikipedia-entries related to the subject.
BIO AND INFO: HTTP://WWW.PROJECTPAN.DE

ANSGAR’s WORKSHOP TOPICS, see the video below:

 Jacopo Mattii

Jacopo Mattii is a didgeridoo teacher and solo player. Born in 1979, he discovered the didgeridoo in 1999 but began to play concretely in 2008, with performing as a street artist in numerous festivals in Italy. Fascinated by the new techniques developed in Europe, in 2010 he began a new path with the didgeridoo, working on composition, and developing an increasingly personal style. His music is characterized by the search for the intimate expressiveness of this ancient instrument, in a conception of contemporary music. The result are musical progressions that travel on tracks of articulated compositions, rich in dynamism and groove, in which the melodic characteristics of the didgeridoo are highlighted through a long work dedicated, in recent years, to variations of the toot and the use of the voice. Jacopo has already been a teacher for two years at Andrea Ferroni’s Seminar of Arts & Traditions. In 2013 and 2019 he played as the main artist of the Didjin’Oz festival in Forlimpopoli and he will play again in 2021. He has two solo albums “Chest Factor” 2013 and “The Heart in the Cavern” 2019. https://soundcloud.com/jacopo-mattii
https://www.facebook.com/Jacopo-Mattii-didjeridoo-546376232053617 https://www.youtube.com/channel/UC–yf46U_Nlqq5060G44yHA 

JACOPO’s WORKSHOP TOPICS, see the video below:

Workshop topics: 
The seminar focuses on the composition of songs for solo didgeridoo. In the first part, will be addressed topics of tempo, rhythm, harmony, and melody! In the second part we will analyze the playing and composition techniques for solo didgeridoo:
• analysis of the differences between the main circular breaths (Classical, Wobble, Jaw, Bounce) and how these mainly affect the rhythm
• analysis of dynamics and accents
• the melody in the didgeridoo, working on the presence and variation of the toot!
• the use of the voice,
• the development of partners through all aspects of the composition and construction of a song

-Place:
c/o Assoc. “Arti e Tradizioni”  Montebruno, 2 – Garzigliana – TO
.  
-The requested contribute is used to cover:
-6 hours lesson per day, lunches and dinners on Friday and Saturday, lunch on Sunday. A concert with open-stage.
 . 
– Overnight staying:
Close to our place, there are several b&b and small hotels.
It is even possible to sleep in our association with your own sleeping bag. Please ask in that case.
-Please note: Lessons will be held in English and Italian
INFO and BOOKINGS: andrea@artietradizioni.it
or whatsapp via the site pop up or 3385812914

Didgeridoo Ritiro 13° edition

Date: 31st July, 1st ans 2nd of August
.
CONCERT 
Saturday 1st August at 9:30pm
.
Risultati immagini per ritiro didgeridoo
This edition in going to have of three consecutive days lesson, it will introduce you two teachers: William Goldschmidt, already a student of the association, well known due to  some successful participations in international festivals including the Swizzeridoo, the Didjin’Oz in Forlimpopoli and the International Festival of digeridoo in Israel.
He has already been a teacher of the past edition, particularly appreciated by the participants, he will propose a workshop starting from the same bases as last year but bringing new topics.
Andrea Ferroni, organizer of the event, returns as a teacher proposing some of his typical topics already held in foreign festivals. Topics they appear as apparently peripheral themes and then quite rarely to be found in other workshops.INFO and BOOKINGS: andrea@artietradizioni.it
or whatsapp via the site pop up or 3385812914

 Andrea Ferroni

Andrea Ferroni, Turin – 1977. Enchanted by the didgeridoo, he began his studies as a self-taught musician in 2002, then follows courses and workshops held by world-renowned artists. In less than three years, he participates in the most prestigious European festivals in France, Switzerland, Germany, Portugal and Great Britain, obtaining excellent feedback from critics and reviews in specialized magazines. He founded the “Didgeridoo School”, where he started teaching in 2003. He first founded the “Yidaki” cultural association and then “Arts and Traditions”, to promote and organize didgeridoo events.
Publish a book entitled: “The Didgeridoo discovery” and seven CDs entitled: “Windproject” (2003), “Noises & Voices” (2004), “Tribal Revolution” (2005) and “Breaking Through” (2006), “Windproject 2008 “(2008), Ritratto (2008), Testimonianze (2011) and two compilations as an association project. He personally builds his instruments, which are highly appreciated in Italy and by many artists who play them live.
Anyway, Andrea is a very eclectic person. So he’s not just a didgeridoo player. He works as the CAE analyst to evaluate the effect of frequencies, resonances, noise and noise quality on complex systems, evaluating the effects on human perception on the basis of psychoacoustics. He is a producer of beer and cheeses (only for friends), he is also interested in the arts in general, interpersonal communication and relationships.
Further information: http://www.andreaferroni.it/

 William Goldshmidt


Just 8 years ago I joined this association to know and study the Didgeridoo for the first time. The art of playing “freely”, without too many schemes and limits, was the factor that fascinated me mainly in its time and that still gives me the energy to experiment while playing. Later  I did begin to focus on rhythm and musicality, precision, timing because I felt the need to transmit this instrument to a wider audience. The art of the Beatbox, a fundamental part of my style, made me discover more about the high potential of the mouth and breathing. Didgeridoo today has become an extension of my mouth, amplifying and modulating every sound I produce. With this workshop I want to give many ideas as possible, helping to stimulate everyone’s creativity and artistic personality.

WORKSHOP program by Andrea Ferroni

Friday 31st July
– Acoustic possibilities of the didgeridoo –
This workshop was born from Andrea Ferroni’s experience in the field of acoustics related to the didgeridoo long almost twenty years. An often difficult topic if faced without real bases that can lead to trivial but expensive and misleading errors for the study and comprehension. This theme is generally dealt with in the tool building workshops held by Andrea. In this workshop we will review the same concepts under a more practical key.
Which instrument to choose (or to build easily) to obtain a specific color tone, to play a technique listened to by other musicians, etc., etc.
Maybe you might notice that some sounds and timbres or techniques are not attributable only to our way of playing but also to the type of instrument in our possession. After that there can be no excuses.
If you had more didgeridoos, take them with you. If you have many, choose from the most different ones.

Saturday 1st August
– Repertoire –
The main difference between a musician and a player lies in the repertoire.
The “repertoire” is the goal that can distinguish a musician who enjoys playing while growing and a player who is bored and leaves the music study. It is boring and harmful in music (but not only in music) to get stuck, to repeat the same actions waiting in vain for an imaginative idea which our passion can flow with.
With this workshop you can become the creators of your art, you will find methods to fix old ideas and embellish them.
In a few months you may be ready to record your first album.

Sunday 2nd August
– Home recording –
How nice would it be to be able to record a CD in a recording studio worthy of a modern pop star? Microphones of the value of a car, acoustically treated room to avoid external contamination and inadequate environmental reverberations.
But having limited resources it is possible to do an excellent job even at home, with a PC, a good but cheap microphone, a sound card, maybe free software and a little patience.
In this workshop we will combine what has been learned in the previous days to emphasize what has been learned in order to finalize it. From the beginning to the end in one workshop.
The satisfaction of finishing a job that took us months or years is first an important and personal achievement, a prize and then an excellent stimulus to continue.
This workshop is aimed for recording only one instrument at a time (for time and complexity limits) and will give the opportunity to make our recordings stereophonic (a microphone records in mono generally) and make it sound on any system with the same warmth that we listen live.

WORKSHOP program by William Goldschmidt

The didgeridoo is the pure expression of our mouth and our breath. I am an extremely contemporary player who respects tradition but tries to analyze all the uncommon nuances of this instrument. The Voice, the Beatbox, the percussive Toot and the didgeridoo Drone are factors that represent my way of playing.

Friday 31st July
In search of Musicality:

Do we want to introduce this tool to a wider community ?!
I believe that the key lies in bringing out the musicality that is within us, a completely subjective but essential quality to make a song more pleasant and harmonious with this very ancient instrument.

The basic didgeridoo is a fairly simple tool, however fueled by much more complex factors such as our mouth and our breath.
To increase musicality many times we need to detach ourselves from what the didgeridoo is like we are used to hearing it and to focus more on the various breathing techniques, singing and their dynamics.

In this first phase of the workshop we will observe the techniques that I have refined over the years to increase the musicality of my songs.

The Drone and its dynamics – the Drone has many different facets based on the vibration of the lips and the amount of air we let out. We will analyze what I call the “Sub Drone” and how we can emphasize other sounds above it.

Voice and Didgeridoo – The voice has enormous potential if we can get it out in a crystal clear way without too much drone interference, the right balance allows us to create melodies that further increase the dynamics of a track.

Percussive toot – Simulating another instrument with the didgeridoo is another interesting aspect to open the perspectives of this instrument. With the detached Toot we can simulate a lot of percussion of various kinds.

Saturday 1st August:
The art of the Beatbox

The didgeridoo is a filter – amplifier of our mouth and the Beatbox is definitely the art that experiments and studies most of all the sounds and ways of breathing that our body is incredibly able to make.
It is impressive to observe, in recent years, the enormous media development of this art, which by constantly transmitting new inspirations, is leading to rapid growth at a general level.
It is very important to be able to shape the beatbox and the didgeridoo in one thing, you must be able to tie them in such a way as to surprise the listener.

In this second part of the Workshop we will observe my approach to the Beatbox and how best to combine it with the didgeridoo.

The different Beatbox schools – The best way to learn is to observe the experts. As in the didgeridoo there are various schools created by level players, so we will observe them through some videos paying attention to some specific techniques.

Beatbox basic sounds – Kick, Snare and Hi-hats

Integrating the Beatbox with the Drone – we will observe and practice those crucial points on which to focus to better integrate the Didgeridoo with the Beat box.

Sunday 2nd August
Inward

We have always focused on those sounds due to the escape of air but not on those obtained from inspiration.
We have always been taught to breathe through the nose !! But what if we started to breathe through our mouths and above all making a pleasant aspirated sound at the same time ?!
A parallel world opens which highlights many new techniques and sounds.

So in the latter part of the Workshop we will understand:

– The various techniques that led me to develop inward sounds
– Get to know the inspiration and the various dynamics.
– Once the “suction pump” is activated we will observe which filters we can use to modulate the sounds: Inward Toot, Lip Roll, Click roll
– Balance in and out

Workshop conclusion

I will summarize all the techniques listed above and we will go to observe them in a completed track. So we will talk about how I create a new song and what are my main sources of inspiration.

-Place:
c/o Assoc. “Arti e Tradizioni”  Montebruno, 2 – Garzigliana – TO
.  
-Cost:
3 days – friday, saturday, sunday:
200€ per person booking before the 30 January,

250€ for late booking.

-The requested contribute is used to cover:
-6 hours lesson per day, lunches and dinners of friday and saturday, lunch of sunday. A concert with openstage.
 . 
– Overnight staying:
Close to our place there are several b&b and small hotels.
It is even possible to sleep in our association with your own sleeping bag. Please ask in that case.
-Please note:Lessons will be hold in English and Italian
INFO and BOOKINGS: andrea@artietradizioni.it
or whatsapp via the site pop up or 3385812914

Ritiro di Didgeridoo 13° edizione

Data: 31 Luglio, 1 e 2 Agosto 2020
.
CONCERTO 
Sabato 1 Agosto, ore 21:30
.
Risultati immagini per ritiro didgeridoo
Questa edizione, nuovamente di tre giorni consecutivi, vedrà due insegnanti, William Goldschmidt, già allievo dell’associazione, passato alla ribalta con alcune partecipazioni di successo in festival internazionali tra cui ricordiamo lo Swizzeridoo, il Didjin’Oz a Forlimpopoli ed il Festival internazionale del digeridoo in Israele.
Già docente della passata edizione, particolarmente apprezzato dai partecipanti, riproporrà un workshop partendo dalle stesse basi dello scorso anno portando però nuovi argomenti.
Andrea Ferroni, organizzatore dell’evento, torna come docente proponendo alcuni suoi cavalli di battaglia, argomenti tipicidei suoi workshop tenuti nei festival stranieri o di tematiche apparentmente periferiche e che ruotano attorno al mondo del didgeridoo. Si sa, tanto spesso si è presi dal suonare e basta, ma talvolta converrebbe fermarsi e organizzarsi per rendere al meglio le nostre potenzialità.
INFO e PRENOTAZIONI: andrea@artietradizioni.it
oppure whatsapp tramite il pop up del sito o 3385812914

 Andrea Ferroni

Andrea Ferroni, Torino – 1977. Incantato dal didgeridoo, inizia gli studi come musicista autodidatta nel 2002, quindi segue corsi e workshop tenuti da artisti di fama mondiale. In meno di tre anni, partecipa ai più prestigiosi festival europei in Francia, Svizzera, Germania, Portogallo e Gran Bretagna ottenendo ottimi riscontri da parte della critica e delle recensioni su riviste specializzate. Ha fondato la “Scuola del Didgeridoo”, dove inizia a insegnare nel 2003. Ha fondato prima l’associazione culturale “Yidaki” e poi “Arti e Tradizioni”, per promuovere e organizzare eventi didgeridoo.
Pubblica un libro intitolato: “The Didgeridoo discovery” e sette CD intitolati: “Windproject” (2003), “Noises & Voices” (2004), “Tribal Revolution” (2005) e “Breaking Through” (2006), “Windproject 2008 “(2008), Ritratto (2008), Testimonianze (2011) e due compilation come progetto di associazione. Costruisce personalmente i suoi strumenti, che sono molto apprezzati in Italia e da molti artisti che li suonano dal vivo.
Ad ogni modo, Andrea è una persona molto eclettica. Quindi non è solo un suonatore di didgeridoo. Lavora come l’analista CAE per valutare l’effetto di frequenze, risonanze, rumorosità e qualità del rumore su sistemi complessi, ne valuta gli effetti sulla percezione umana sulla base della psicoacustica. E’ un produttore di birra e formaggi (solo per gli amici), è anche interessato alle arti in generale, alla comunicazione interpersonale e alle relazioni.
Ulteriori informazioni: http://www.andreaferroni.it/

 William Goldshmidt

Proprio 8 anni fa mi sono trovato in questa associazione a conoscere per la prima volta il Didgeridoo. L’arte di suonare d’impulso, senza troppi schemi e limiti, è stata il fattore che mi affascinò principalmente a suo tempo e che tutt’ora mi da la carica per sperimentare mentre suono. Solo dopo ho cominciato a focalizzarmi sulla ritmica e sulla musicalità, proprio perché sentivo la necessità di trasmettere questo strumento a un pubblico più ampio. L’arte della Beatbox, parte fondamentale del mio stile, mi ha fatto scoprire maggiormente l’elevato potenziale della bocca e della respirazione. Il Didgeridoo oggi è diventato un prolungamento della mia bocca, amplificandola e modulandola a tutti gli effetti. Con questo workshop voglio dare più spunti e idee possibili, aiutando a stimolare in ognuno la propria creatività e personalità artistica.
 . 
Programma dei WORKSHOP di Andrea Ferroni
 . 
Venerdì 31 Luglio
 – Possibilità acustiche del didgeridoo – 
Questo workshop nasce dalla quasi ventennale esperienza di Andrea Ferroni nell’ambito dell’acustica legata al didgeridoo. Un argomento spesso ostico se affrontato senza basi concrete che può portare a errori banali ma costosi e fuorvianti per lo studio ed il risultato. Questo tema è generalmente trattato nei workshop di costruzione strumenti tenuti da Andrea. In questo workshop rivedremo gli stessi concetti sotto una chiave più pratica.
Quale strumento scegliere (o costruire facilmente) per ottenere uno specifico timbro, suonare una tecnica ascoltata da altri musicisti, ecc, ecc.
Magari ci si potrebbe accorgere che alcuni suoni e timbri o tecniche non sono imputabili solo al nostro modo di suonare ma anche al tipo di strumento in nostro possesso. Dopodichè non ci potranno essere scuse.
Se aveste più strumenti portateli con voi. Se ne avete tanti, scegliete tra quelli più diversi tra loro.
Sabato 1 Agosto
– Repertorio – 
La differenza principale tra un musicista ed un suonatore sta nel repertorio.
Tra un appassionato che si diverte nel suonare crescendo rapidamente ed un appassionato che si annoia ed abbandona lo studio c’è un repertorio di mezzo. E’ noioso e nocivo nella musica (ma non solo) rimanere fermi a ripetere le medesime azioni aspettando invano un’idea o uno spunto fantasioso verso cui far confluire la nostra passione.
Con questo workshop potrete diventare artefici della vostra arte, troverete metodi per fissare le vecchie idee ed abbellirle, ma anche e soprattutto come trovarne di nuove.
In pochi mesi potreste essere pronti per registrare il vostro primo CD.
Domenica 2 Agosto
– Home recording – 
Che bello sarebbe poter registrare un CD in uno studio di registrazione degno di una moderna pop star? Microfoni del valore di un’automobile, sala trattata acusticamente per evitare contaminazioni esterne e riverberi ambientali inadeguati.
Ma avendo risorse limitate è possibile fare un ottimo lavoro anche in casa, con un PC, un microfono valido ma economico, una scheda audio, un software magari gratuito e un po’ di pazienza.
In questo workshop uniremo quanto imparato nei giorni precedenti per dare risalto a quanto appreso in modo da finalizzare il lavoro svolto e chiudere un cerchio.
La soddisfazione di concludere un lavoro di mesi o anni è da prima un riconoscimento personale poi un ottimo stimolo per proseguire.
Questo workshop è finalizzato alla registrazione di un solo strumento alla volta (per limiti di tempo e complessità) e darà la possibilità di rendere le nostre registrazioni stereofoniche (un microfono registra in mono generalmente) e farlo suonare su un impianto qualsiasi con lo stesso calore che ascoltiamo dal vivo.

Programma dei WORKSHOP di William Goldschmidt

Il didgeridoo è la pura espressione della nostra bocca e del nostro respiro. Son un suonatore estremamente contemporaneo che, rispetta la tradizione ma prova ad analizzare tutte quelle che sono le sfumature non comuni di questo strumento. La Voce, la Beatbox, i Toot percussivi e il Drone del didgeridoo sono fattori che rappresentano il mio modo di suonare.

Venerdi 31 Luglio

Alla ricerca della Musicalità;

Vogliamo far conoscere questo strumento a una comunità più ampia?!
Ecco credo che la chiave sta nel far uscire la musicalità che è dentro di noi, qualità del tutto soggettiva ma essenziale per rendere più piacevole e armonioso un brano con questo antichissimo strumento.

Il didgeridoo di base è uno strumento abbastanza semplice, alimentato però da fattori molto più complessi come la nostra bocca e il nostro respiro.
Per aumentare la musicalità molte volte bisogna distaccarci da quello che è il didgeridoo come siamo abituati a sentirlo e focalizzarsi maggiormente sulle varie tecniche di respiro, di canto e della loro dinamica.

In questa prima fase del workshop osserveremo quelle che sono le tecniche che con gli anni ho affinato maggiormente per aumentare la musicalità nei miei brani

Il Drone e la sua dinamica – il Drone ha tante diverse sfaccettature in base alla vibrazione delle labbra e alla quantità di aria che facciamo fuoriuscire. Analizzeremo quello che chiamo il “Sub Drone” e come possiamo enfatizzare altri suoni sopra di esso.

Voce e Didgeridoo – La voce ha un potenziale enorme se riusciamo a farla uscire in modo cristallino senza troppe interferenze del drone, il giusto equilibrio ci permette di creare melodie che aumentano ulteriormente la dinamica di una traccia.

Toot percussivi – Simulare un altro strumento con il didgeridoo è un altro aspetto interessante per aprire le prospettive di questo strumento. Con i Toot staccati possiamo simulare molto delle percussioni di vario genere.

Sabato 1 Agosto

L’arte della Beatbox

Il didgeridoo è un filtro – amplificatore della nostra bocca e la Beatbox è decisamente quell’arte che sperimenta e studia maggiormente tutti i suoni e i modi di respirare che il nostro corpo riesce incredibilmente a fare.
Negli ultimi anni è impressionate osservare l’enorme sviluppo mediatico di quest’arte, che trasmettendo costantemente nuove ispirazioni, sta comportando una rapida crescita di livello generale.
Molto importante è riuscire a plasmare la beatbox e il didgeridoo in una cosa sola, bisogna essere capaci a legarli in modo tale da sorprendere l’ascoltatore.

In questa seconda parte del Workshop osserveremo il mio approccio alla Beatbox e come meglio riuscire a unirla con il didgeridoo.

Le differenti scuole della Beatbox – Il modo migliore d’imparare è osservare gli esperti. Come nel didgeridoo ci sono varie scuole create da suonatori di livello, quindi le osserveremo attraverso alcuni video ponendo attenzione ad alcune tecniche in specifico.

Suoni base della Beatbox – Kick, Snare e Hi-hats

Integrare la Beatbox con il Drone – osserveremo e praticheremo quei punti cruciali su cui focalizzarsi per integrare al meglio il Didgeridoo con la Beat box.

Domenica 2 Agosto

Inward

Ci siamo sempre concentrati su quei suoni dovuti alla fuoriuscita di aria ma non su quelli ottenuti dall’inspirazione.
Ci è stato sempre insegnato di respirare dal naso!! Ma se cominciassimo a respirare dalla bocca e oltretutto facendo in contemporaneo un suono aspirato piacevole?!
Si apre un mondo parallelo che ci mette in risalto molte tecniche e suoni nuovi.

Dunque in quest’ultima parte del Workshop capiremo:

– Le varie tecniche che mi hanno portato a sviluppare i suoni inward
– Entrare in confidenza con l’inspirazione e le varie dinamiche.
– Una volta attivata la “pompa aspirante” osserveremo quali filtri possiamo utilizzare per modulare i suoni : Inward Toot, Lip Roll, Click roll
– Equilibrare in e out

Conclusione Workshop

Andrò a riassumere tutte le tecniche sopra elencate e andremo a osservarle in una traccia completata. Quindi parleremo di come creo un nuovo brano e quali sono le mie fonti d’ispirazione principale.

.
-Luogo:
c/o Ass. “Arti e Tradizioni” località Montebruno, 2 – Garzigliana – TO
.  
-Costo:
3 giorni – venerdì, sabato e domenica:
200€ a persona prenotando entro il 30 Gennaio,
250€ prenotando oltre il 30 Gennaio versando 70€ di caparra.
-La quota d’iscrizione comprende:
-6 ore di lezione al giorno, i pranzi di venerdì, sabato e domenica e le cene del venerdì e del sabato.
 . 
– Pernottamento:
in zona sono presenti diversi alberghi il cui costo si aggira intorno ai 30 euro a persona.
Sarà possibile anche il pernottamento in economia (con proprio sacco a pelo e materassino) costo 10€ inclusa colazione. 15€ con letto e lenzuolo (ma sempre con proprio sacco a pelo).
.   .
-Nota: tutte le lezioni saranno in Iitaliano e inglese.

INCONTRARSI! – Migliora il tuo approccio nel quotidiano e in rete per incontrare persone stimolanti e arricchenti

Date: giovedì 6 e giovedì 13 Giugno
Orario: 20:30 / 23:30
Luogo: Studio Dott.ssa Monica Fasoli, via Massena 25, Torino.

Il web ha modificato molto la percezione dei contatti e delle conoscenze. Il web può metterci in contatto con un numero enorme di persone ma lo schermo, che da un lato può essere sicurezza, può impedire un contatto sano e funzionale. Una modalità che può inquinare anche la semplicità di relazionarsi con altre persone nella vita reale, e i motivi sono palesi.

In questa serata verranno offerti spunti di riflessione sul tuo modo di percepirti e dunque di essere percepito dagli altri. Verranno proposti suggerimenti su come sopravvivere alle piccole frustrazioni, come comprendere meglio il prossimo per poter mantenere un atteggiamento positivo, verranno proposti consigli per migliorare la visione di te, scoprendo i tuoi lati positivi magari dati per scontati.

Migliorare il tuo modo di presentarti e dialogare in modo spontaneo, onesto ed efficace senza adottare alcuna strategia è la chiave per conoscere, farsi conoscere ed avere relazioni sane e durature in ogni ambito.

Gli incontri sono aperti a qualsiasi persona senza distinzione di genere, orientamento sessuale o relazionale.

Info e prenotazioni: andrea@artietradizioni.it
Tel: 3385812914

Relatori:

Andrea Ferroni

Andrea Ferroni si occupa da quasi vent’anni di linguaggi non verbali, in ambito artistico prima, in ambito riabilitativo successivamente. Da quattro anni si è interessato di comunicazione assertiva, comunicazione all’interno della relazione e dinamiche relazionali partecipando e coordinando workshop, gruppi di auto mutuo aiuto, cerchi di condivisione o piccoli eventi di sensibilizzazione e divulgazione.

Web: https://www.andreaferroni.it/

 

Dott.ssa Monica Fasoli

Monica Fasoli è psicologa psicoterapeuta specializzata in psicoterapia cognitiva e sessuologia.
Lavora attraverso un approccio olistico volto alla crescita personale e alla consapevolezza di sé. Ha sviluppato in più di vent’anni di studio, di ricerca personale, di lavoro su di sé e di lavoro con le persone competenze specifiche ed approfondite nell’ambito della comunicazione e delle relazioni interpersonali e di coppia.

Web: http://www.monicafasoli.it/

ZAZEN : meditazione seduta

Pratica diretta da Tamara Shoji Zedda monaca buddhista zen
.
Tamara ShoJi Zedda pratica la meditazione da vent’anni e nel 2010 riceve l’ordinazione da monaca buddhista zen. In affiancamento al suo lavoro come o.s.s. in collaborazione con l’associazione DAYAALU PRAKAASH organizza corsi di meditazione e sessioni individuali di riequilibrio psicofisico, si occupa inoltre di numerologia classica attraverso corsi e redazione di carte numerologiche ed è studente della scuola di Naturopatia.
.
Lo Zen nasce dall’esperienza del Buddha Shakyamuni che più di 2500 anni fa, seduto nella postura di zazen, ha realizzato il completo Risveglio praticando la concentrazione, la vigilanza e la consapevolezza. A partire da zazen, letteralmente meditazione seduta, entriamo in intimità con noi stessi e sperimentiamo l’interdipendenza con tutti gli esseri.
.
Per info e prenotazioni: Tamara (Associazione DAYAALU PRAKAASH) tel. 340/5449776
C/O ASSOCIAZIONE ARTI E TRADIZIONI
Località Montebruno, 2 Garzigliana –TO

Workshop costruzione didgeridoo in vetroresina

20 e 21 Luglio dalle 10 alle 17
Workshop di costruzione didgeridoo in vetroresina

Argomenti trattati:
– informazioni sulla sicurezza e prevenzione degli infortuni e malattie professionali
– l’organizzazione dell’officina
– la scelta dei materiali: le resine, le fibre, le cariche, caratteristiche chimiche e fisiche
– i tipi di stampo possibili
– realizzazione dello stampo proprio (secondo la stessa metodologia di produzione degli strumenti Windproject)
– la costruzione dello strumento
– intonazione e realizzazione di una corretta e confortevole imboccatura
– le differenti forme in base alle tecniche di utilizzo

Ogni partecipante riuscirà a completare uno strumento che rimarrà suo.

Posti disponibili: 3 max

Consigliato a: 
– chi desideri costruirsi il suo primo strumento in vetroresina e voglia imparare a progettarne ulteriori anche per motivi professionali e commerciali. ma soprattutto desideri comprendere in modo più approfondito come progettare un didgeridoo su buone basi di acustica che verranno apprese nel workshop.

Foto e feedback precedenti partecipanti

Ritiro di Didgeridoo 12° edizione

Data/date: 27 and 28 april 2019
.
CONCERTO – CONCERT
Sabato 27 e  Aprile, ore 21:30
Saturday 27 April, 9:30 pm
.
Risultati immagini per ritiro didgeridoo
Quest anno sono orgoglioso di poter presentare due musicisti e insegnanti che stimo molto e meritano risalto.
Jacopo Matti e William Goldshmidt. Entrambi hanno partecipato a questo evento come studenti, hanno collaborato e sostenuto l’associazione organizzatrice. Entrambi hanno partecipato al Didjin’Oz contest ideato sempre da Arti e Tradizioni. William arrivando primo più recentemente, Jacopo arrivando secondo per un solo soffio durante la prima edizione dell’evento. Entrambi hanno comunque suonato sul palco principale dell’evento meritandolo pienamente.
Eppure sono musicisti molto differenti tra loro che incarnano scuole musicali differenti ma moderne, cariche di ritmo, tecnica e attenzione alla composizione di brani ascoltabili anche da ascoltatori non necessariamente interessati al didgeridoo.
Mi fa inoltre piacere ricordare i successi di William presso lo Swizzeridoo, festival internazionale svizzero grazie ad una collaborazione tra associazioni, il festival del 2018 in Israele, un CD prodotto da noi in sede.Ma in seguito troverete le loro biografie.
Auguro ai futuri partecipanti di seguire le loro orme sel o vorranno, ma soprattutto di tentare anche strade non ancora battute.
INFO e PRENOTAZIONI: andrea@artietradizioni.it
 . 
WORKSHOP
 . 
Teachers:

Jacopo Mattii

IL DIDGERIDOO SOLISTA Il didgeridoo è uno strumento musicale come tutti gli altri, quindi come tutti gli strumenti musicali esprime sempre diverse potenzialità a seconda come lo si suona, dove lo si suona, e soprattutto perché lo si suona. ” Principalmente esistono due grandi categorie di suonatori di didgeridoo: il didgeridoo in orchestra con altri strumenti (acustici, elettronici, digitali) e il didgeridoo solista. ” La categoria del didgeridoo solista si divide in altre tre sottocategorie: composizioni soliste pure, composizioni soliste con uso di effetti e/o loop station, improvvisazione (purista o con uso di effetti e/o loop station) “
In questo seminario affronteremo l’argomento del didgeridoo solista puro, lavorando sulle variabili che caratterizzano una composizione musicale.  ” Spesso il primo approccio che abbiamo con questo strumento è proprio quello solista, passando molto tempo a suonare in solitudine e cercando di arrangiare le prime canzoni, fa parte dell’apprendimento e della scoperta. La stessa cosa accade in uguale modo per chi impara a suonare gli strumenti a corda, percussione e aerofoni. Personalmente sono sempre rimasto affascinato dall’anima solista di questo strumento, che credo nasca dalle sue origini, e anche se molto semplice, il didgeridoo è uno strumento unico e imparagonabile nel suo genere, questa unicità è la chiave che trasforma una semplice vibrazione in musica.
Programma:
• Uno strumento semplice è anche uno strumento limitato?! “
• i suoni principali del didgeridoo: drone, toot, voce
• i suoni secondari del didgeridoo: soffio, beatbox, aircode
• respirazione wobble e respirazione bounce: due mondi opposti per due risultati opposti
• l’importanza della dinamica dei suoni e della dinamica del brano
• drone e voce: una relazione di armonia e melodia
• tempo, ritmica, accenti e l’importanza del metronomo
• il silenzio esiste, il silenzio è suono
• la struttura di una canzone
• da dove nascono le canzoni, l’ispirazione, la memoria
 . 

 William Goldshmidt

Proprio 7 anni fa mi sono trovato in questa associazione a conoscere per la prima volta il Didgeridoo. L’arte di suonare d’impulso, senza troppi schemi e limiti, è stata il fattore che mi affascinò principalmente a suo tempo e che tutt’ora mi da la carica per sperimentare mentre suono. Solo dopo ho cominciato a focalizzarmi sulla ritmica e sulla musicalità, proprio perché sentivo la necessità di trasmettere questo strumento a un pubblico più ampio. L’arte della Beatbox, parte fondamentale del mio stile, mi ha fatto scoprire maggiormente l’elevato potenziale della bocca e della respirazione. Il Didgeridoo oggi è diventato un prolungamento della mia bocca, amplificandola e modulandola a tutti gli effetti. Con questo workshop voglio dare più spunti e idee possibili, aiutando a stimolare in ognuno la propria creatività e personalità artistica.
 . 
Programma:
Drone e Toot -> Dinamica e chiarezza del suono.
Voce nel didgeridoo -> Melodie e musicalità.
Beat-box nel didgeridoo -> Come integrare al meglio kick, snare e hi-hats con il drone. Tuut Percussivi -> Creare più livelli sonori.
Suoni Inward -> Unire il respirare dalla bocca a un suono ben preciso, inward tuut e lip-roll.
Come creo le mie tracce -> Ricerca di melodie e ritmiche del brano, fonti d’ispirazione
 . 
-Luogo / Place:
c/o Ass. “Arti e Tradizioni” località Montebruno, 2 – Garzigliana – TO
.  
 . 
-Nota / Note: tutte le lezioni saranno in Iitaliano.
-Workshop are hold in Italian with the possibility of an english translation..

Workshop di Scacciapensieri con Francesco Gibaldi

Domenica 28 Aprile 2019, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17.
Workshop di Scacciapensieri con Francesco Gibaldi

Presso: “Arti e Tradizioni”
Regione Montebruno 2A
Garzigliana TO.

Come arrivare: clicca qui

Info e prenotazioni: andrea@artietradizioni.it
tel: 3385812914

Verrà fornito uno strumento a tutti gli allievi, un regalo compreso nel prezzo del workshop e che potranno portarsi a casa.

A chi è rivolto?

– A principianti o a chi l’ha sempre suonato istintivamente, senza coscienza delle note prodotte.

– A cantanti armonici e suonatori di didjeridoo, potranno scoprire molte analogie.

– A musicisti che vogliano arricchire il proprio bagaglio tramite l’apprendimento di uno strumento versatile ed istintivo ed il proprio bagaglio culturale su altre culture e pratiche musicali.

Programma

– Cenni di fisica acustica.

– Pratica di suoni base.

– Postura e respirazione.

– Il Ritmo tramite: respiro, movimenti della mano e della lingua.

– Excursus etnomusicologico tra i diversi contesti culturali in cui lo strumento viene usato.

– Consultazione di materiale audiovisivo.

– Pratica con Overtone Analyzer (software apposito per lo studio degli strumenti armonici).

– Pratica di scale di armonici e melodie / ear training.

Il seminario si svolge nell’arco di mezza giornata, dalle X alle Y (4 ore totali, se vogliamo si prevede una pausa in mezzo)

I temi sono svolti con l’ausilio di vari sistemi di apprendimento tramite esercizi sia di gruppo che individuali, anche col supporto di grafici, disegni, visualizzazioni e software appositi.

COSTO: 60 euro, compreso di scacciapensieri. Il contributo deve essere corrisposto per intero al momento della prenotazione. Per prenotarsi, e per ulteriori informazioni, occorre inviare una mail a: andrea@artietradizioni.it

OSPITALITA’: è possibile pranzare con noi con un piccolo contributo di 10€. Per chi arriva da distante vi verranno fornite varie alternative per un pernotamento confortevole e adeguato a ognuno dei partecipanti.

FRANCESCO GIBALDI Biografia breve:
Web: www.francescogibaldi.com

PictureFrancesco Gibaldi è un polistrumentista dedito alla sperimentazione musicale. Suona strumenti inusuali, (spesso autocostruiti): scacciapensieri, didjeridoo, vari tipi di flauto, oggetti di uso comune usati come strumenti musicali (tubi, stampelle, biciclette, maiali e polli di gomma, effetti e campionatori e chi più ne ha più ne metta). Studia ed insegna, con approccio musicologico oltre che tecnico musicale, canto armonico, scacciapensieri, didgeridoo, beatbox.

3 giorni per imparare a suonare e costruire il tuo didgeridoo in legno.

24 Agosto dalle 10 alle 17
WORKHOP BASE E INTERMEDIO per SUONARE IL DIDGERIDOO
Contributo per la giornata : 70€ comprende il pranzo del venerdì.

25 e 26 Agosto dalle 10 alle 17, 9 agosto dalle 10 alle 13
Workshop di costruzione didgeridoo in legno
Contributo per le due giornate : 200€. comprenderà 10 ore di lezione, materiale di consumo, attrezzature e protezioni individuali, il pranzo del sabato, pernottamento, 1 CD audio.

NB: per la parte teorica del 26 mattina è necessario comprendere l’inglese.

26 Agosto  dalle 10 alle 12:30 (This module will be hold in english only. Following other modules is not strictly necessary.)
“Acoustic potential of the Didgeridoo” – Workshop
2.5hours in which everything about how to design a didgeridoowill be explained in the simplest way. Click the link above for more details.

contribute: 50€ for musicians, 100€ for didgeridoo makers

E’ possibile partecipare ad uno solo o entrambi i workshop o solo il workshop di acustica.

Luogo: Regione Montebruno 2/A (“Arti e Tradizioni” associazione culturale)
COME ARRIVARE

Info e prenotazioni: andrea@artietradizioni.it – cell: 3385812914


Sala musica

24 Agosto dalle 10 alle 17
WORKHOP BASE E INTERMEDIO per SUONARE IL DIDGERIDOO

Argomenti di lezione: 

– Strumento, caratteristiche dimensionali ed influenze sul suono. 
Differenti tipi di strumento e caratteristiche sonore, Utilizzo degli armonici, Utilizzo della dinamica del suono, Cos’è la backpressure, Cenni su differenti tipi di costruzione degli strumenti con vari tipi di materiale.

– Manutenzione e cure 
Manutenzione, Le crepe, come nascono, Come riparale

– Introduzione al suono 

– La respirazione e il didgeridoo. 
Respirazione circolare.

– I suoni 
Armonici, La Voce, Rolling, Wok, Jaw drop e Overdrive, Effetto tromba o TOOT

– Tecniche per comporre ritmi 
Enfatizzazione della respirazione circolare, Lingua (Tongueing), Wobbleing, Lo stoppato

Consigliato a: 
– chi si sia appena avvicinato al didgeridoo, ma anche al suonatore di didgeridoo autodidatta che voglia migliorare più velocemente e magari iniziare a creare un repertorio


25 e 26 Agosto dalle 10 alle 17, 9 agosto dalle 10 alle 13
Workshop di costruzione didgeridoo in legno
PROGRAMMA:

 come utilizzare correttamente le attrezzature
– informazioni sulla sicurezza e prevenzione degli infortuni e malattie professionali
– la scelta dei materiali, legni, colle, attrezzature
– la costruzione dello strumento
– le differenti forme in base alle tecniche di utilizzo
Ogni partecipante riuscirà a completare uno strumento che rimarrà suo.

Partecipanti: 5 max

LE FOTO E I VIDEO DI UN PRECEDENTE CORSO

Contributo per le due giornate: 
200€ comprende le ore di lezione, materiale di consumo
e attrezzature, 2 pasti, pernottamento, 1 CD audio.

Consigliato a: 
– chi desideri costruirsi il suo primo strumento e voglia imparare a progettarne ulteriori apprendendo le basi minime di acustica, apprendere molte informazioni assolutamente non disponibili in rete.
Verrà fornito un software per la progettazione e intonazione del proprio didgeridoo.

 

 

Ritiro di Canto armonico 4° edizione

Organizzato da “Arti e Tradizioni” associazione e “Alterjinga” Associazione Culturale.

Da un’idea di Andrea Ferroni, direzione artistica affidata a Giorgio Pinardi.

Data/date: 28, 29, 30 april 2018

INFO e PRENOTAZIONI: andrea@artietradizioni.it

-Luogo / Place:
c/o Ass. “Arti e Tradizioni” località Montebruno, 2 – Garzigliana – TO

WORKSHOP

Corpo docenti  / Teachers list :

img0140Giorgio Pinardi

Inizia con la Musica giovanissimo, sviluppando nel Canto un percorso parallelo diviso tra Canto Moderno e “Tecniche Estese” di origine extraeuropea. Studia ed approfondisce il Canto Armonico con i Maestri Tran Quang Hai, Roberto Laneri, Marco Tonini, Papi

Moreno, Lorenzo Pierobon, Igor Ezendam, Alberto Guccione e Dandarvaanchig Enkhjargal (EPI). Approfondisce la forma corale improvvisativa nota come Circle Songs con Albert Hera, Roger Treece, Joey Blake, Rhiannon e David Worm (Voicestra), Agnieszka Hekiertgna, Studia Polifonia Africana con Anita Daulne (Zap Mama/Congo) ed il gruppo Insingizi (Zimbabwe). Realizza le musiche per mostre sull’ Africa presso il Teatro MIL di Sesto S.Giovanni per conto di una storica ONG italiana. Insegna e si esibisce in diversi contesti, associazioni e strutture lombarde e non. E’ fondatore nel 2012 dell’Associazione Alterjinga, dedicata alla diffusione, promozione e didattica della Musica e del Canto con un occhio di riguardo a tutto cio’ che non e’ convenzionale in campo artistico.


Mandaakhai Daansuren
was born on 19 May 1992 in the village of Luus in the Dundgobi region of Mongolia. He learns to play Morin Khuur (horse head fiddle) with his father at the age of 9 years.

In 2010, he completed his studies at the University of Soyol (Culture) as a player and teacher of Morin Khuur. He also learns all the techniques of throat singing.

By the end of 2010, he began to promote Mongolian traditional music in Europe through his various artistic talents. He works and performs in concert with various artistic partners: Trans-Mongolia, Groupe d’Argusan, The Voice of the Steppe, Xeremia, Heejin Diamont of the Circus, Gobi-Ensemble, Duo Shono, Duo Gobi Rhapsody etc. first album in May 2016.

Kohoomii is a type of ancestral diphonic singing that reproduces natural sounds such as water flow, wind blowing, echoing mountains, the roar of thunder, the chanting of birds, etc. A diphonic vocal is characterized by a vocal technique that allows to produce several notes simultaneously by means of a single vocal organ by combining various types of voice and various positioning of tongue or lips.

TRAN QUANG HAI is a talented and renowned musician who comes from a family of five generations of musicians. had been working as an ethnomusicologist for the National Center for Scientific Research in France since 1968, attached to the Department of Ethnomusicology of the Musee de l’Homme. He is retired since May 2009.

His field is Vietnamese music, Overtone singing in Siberia. He is member of many international societies  : Society for Ethnomusicology, ICTM (executive board member since 2005), Asian Music Society, French Society for Ethnomusicology (founding member), International Jew’s Harp Society (founding member), etc…

He has published 23 records on Vietnamese music (from 1971 to 1997), 4 DVD on overtone singing (2004, 2005, 2006), 2 DVD on traditional music of Vietnam (2000, 2009), 1 DVD on his life by the Belgian TV Production (2005), articles in New Grove Dictionary Music and Musicians (1st – 1980 and 2nd (2001) editions), New Grove Dictionary of Musical Instruments (1984) and some few hundreds of articles in different countries .

Recipient of the Medal of Cristal of the National Center for Scientific Research (France) in 1995 , of the Medal of the Knight of the Legion of Honour (France) in 2002, and of the Medal of Honour of Work, Grand Gold category (France) in 2009.

More details of his activities can be found on his website: http://tranquanghai.com

-Costo / Cost:
3 giorni – sabato, domenica, lunedì :
250€ a persona prenotando entro il 30 Gennaio,
290€ prenotando entro il 28 di febbraio versando 70€ di caparra.
Oppure 330€ a persona prenotando oltre il 28 febbraio.

3 days – saturday, sunday, monday:
250€ each if you book before 30 Jannuary,
290€ each if you book before 28 february.
Or 330€ for late booking.

-La quota d’iscrizione comprende / Price includes:
-6 ore di lezione al giorno, i pranzi e le cene dei giorni di iscrizione.
-6 hours lesson a day, lunches and dinners during the day of lesson you subscribe.

– Pernottamento / Accomodation:
in zona sono presenti diversi alberghi il cui costo si aggira intorno ai 30 euro a persona.
Sarà possibile anche il pernottamento in economia (con proprio sacco a pelo) costo 10€ inclusa colazione..

There are some cheap and new hostel close to the workshop area (about 30/35€ per person per night).
It is also possible to sleep in a cheaper accomodation with your own sleeping bag an mattres. (10€ breakfast included)..

-Nota / Note:
– 
tutte le lezioni saranno in Italiano e verranno tradotte in inglese per gli ospiti stranieri.
-Workshop are hold in Italian and translated in english too. 

Programma di lezione / Schedule: 

WHOLE SCHEDULE SOON AVAILABLE

More info and booking:
Andrea Ferroni
mail: info@andreaferroni.it
phone: 0039 3385812914